Translate

Dieci consigli ai sacerdoti di Santa Veronia Giuliani

1. Una volta, andando in Chiesa feci la Comu-nione spirituale, e sentii in me un forte desiderio di ricevere il Santissimo. Oh! Se avessi potuta passare per quelle grate, per andare almeno a ba-ciarlo! E pensando fra me stessa, così dicevo a tut-ti voi sacerdoti: «E perché, quando vi sentite af-flitti, e con qualche travaglio, non correte subito, a questa fonte di vita»? (D I, 543).

2. Oh, sacerdoti, se mai avete amato il patire, ora è tempo d'incominciare. Tutti i vostri contenti sia-no posti nella nuda croce, così Iddio vuole, e sola così date grande gusto a Dio. Dunque: «Viva la croce! Viva il patire!» (cf. D I, 191).
3. Iddio, o sacerdoti, vuole unirsi con le anime vo-stre attraverso la croce. Voi non siate sordi alle sue chiamate, correte ai suoi inviti, corrispondete alle sue grazie e ai suoi doni. Egli vi vuole, vi vuole, e, per mezzo vostro vuole operare grandi cose nelle anime che ha posto sotto la vostra guida (cf. D I, 191-2).

Suor Maria Serafina Micheli e la visione di Lutero

Nel 1883 Suor Maria Serafina Micheli (1849-1911) che sarà beatificata a Faicchio in provincia di Benevento e diocesi di Cerreto Sannita il 28 maggio 2011, fondatrice dell’Istituto delle Suore degli Angeli, si trovava a passare per Eisleben, nella Sassonia, città natale di Lutero. Si festeggiava, in quel giorno, il quarto centenario della nascita del grande eretico ( 10 novembre 1483) che spaccò l’Europa e la Chiesa in due, perciò le strade erano affollate, i balconi imbandierati. Tra le
Il più grande mariologo dello scorso secolo, il francese padre René Laurentin, è morto. Laurentin ha partecipato al Concilio Vaticano Secondo come esperto ed era un sostenitore delle presunte apparizioni mariane a Međugorje. È morto poco prima del suo 100º compleanno, che voleva celebrare il 19 ottobre a Lourdes.
Al tempo si era occupato delle apparizioni di Manduria e il resto è storia.

Il Cardinale Burke:Riforma della liturgia? Iniziate a rivolgervi al Signore...

Servire la Messa con tutti che si rivolgono al Signore aiuterà molto "a mostrare che la Messa non è un qualche tipo di evento sociale tra il prete e i parrocchiani, o tra i parrocchiani stessi", ha detto il cardinale Raymond Burke in un'intervista con The Wanderer (21 agosto).

Secondo il cardinale, bisogna mettere in atto una nuova riforma riguardo la disposizione della Chiesa: "In così tanti posti i tabernacoli sono stati rimossi dal santuario della Chiesa come risultato in una falsa interpretazione del Concilio Vaticano Secondo".

"La maniera di ricevere la Comunione in modo rispettoso in ginocchio e sulla lingua è un altro importante (punto) da cui partire", ha aggiunto il cardinale.